Blühendes Barock Ludwigsburg IT > Giardino delle fiabe > Le fiabe da leggere > Max e Moritz - Mastro fornaio (Max und Moritz - Meister Bäcker)

Max e Moritz - Mastro fornaio

Max e Moritz fanno uno scherzo al mastro fornaio - Nero come la pece, bianco come il gesso, croccante come il pane

In un paese vivevano due malandrini di nome Max e Moritz. I due bambini amavano fare scherzi agli abitanti del paese. Qui puoi vedere tutto quello che hanno combinato.

Prima di Pasqua i fornai cuocevano tante prelibatezze dolci. Anche Max e Moritz ne avevano voglia. Il mastro fornaio aveva da poco chiuso il suo negozio, ed ecco che i due si arrampicarono sul tetto e si calarono dentro attraverso il camino. Quando arrivarono giù, erano diventati neri come la pece per via della cenere nel camino. Poi si infilarono nella cassa della farina e pochi secondi dopo erano bianchi come il gesso. I due non ci badarono perché avevano scoperto sullo scaffale dei brezel dal profumo celestiale. Per arrivare ai brezel Max e Moritz salirono su una sedia, che sotto il loro peso si spezzò in due. E ciacchete... i due malandrini finirono nella madia dell'impasto...

Proprio in quel momento il mastro fornaio rientrò nel negozio e notò i due. Si affrettò dunque a sistemarli sul tavolo di lavoro e formò due pani con loro dentro. Il forno era ancora acceso e dunque li infornò entrambi. Quando l'impasto era diventato bello croccante e dorato, li tirò fuori e li fece raffreddare.

Max e Moritz iniziarono a mangiare il pane che li avvolgeva. Presto ne ebbero mangiato a sufficienza per poter uscire dall'involucro. Fuggirono prima che il mastro fornaio potesse acciuffarli.