Blühendes Barock Ludwigsburg IT > Giardino delle fiabe > Le fiabe da leggere > Fratellino e sorellina (Brüderchen und Schwesterchen)

Fratellino e sorellina

Fratellino e sorellina - Cosa fa il mio bambino? Cosa fa il mio capriolo?

Un bambino e una bambina avevano una matrigna cattiva con una brutta figlia. La matrigna trattava il fratellino e la sorellina così male che questi non ce la fecero più e un giorno fuggirono nel cuore della foresta. Quando la matrigna si accorse della loro fuga, gettò un incantesimo su tutti i ruscelli nella foresta. Ben presto il fratellino incominciò ad avere molta sete. La sorella sapeva dell'incantesimo e lo avvertì, tuttavia il fratellino bevve lo stesso da una fonte e si trasformò in un capriolo. La sorellina pianse molto e promise al capriolo di non abbandonarlo mai.

Per un po' i due vissero insieme in una capanna nella foresta. Tutti i giorni la sorellina raccoglieva erba tenera e piante aromatiche per il capriolo stregato. In una calda giornata d'estate il re si diede alla caccia nella foresta e scoprì il capriolo. Lo seguì e arrivò alla capanna. Lì si innamorò della bella sorellina, la condusse al castello e la sposò. Il capriolo poteva ora schiamazzare nel giardino del castello.

La cattiva matrigna e la sua brutta figlia non poterono sopportare la felicità dei due fratelli. Quando la giovane regina ebbe un figlio, la cattiva matrigna si intrufolò a palazzo e si trasformò in una serva. Convinse la regina a fare un bagno e chiuse a chiave la porta. Poi riscaldò la stanza da bagno fino a far soffocare la regina. La brutta figlia della matrigna ne prese il posto coricandosi nel letto reale. Tuttavia ogni notte la regina tornava lì, allattava il bambino e accarezzava il capriolo.

Una notte la regina sussurrò: "Cosa fa il mio bambino? Cosa fa il mio capriolo? Ancora una volta fin qui verrò, ma una seconda non tornerò." Non appena il re venne informato, si mise a guardia nella stanza del bambino. Nella notte la figura riapparve. Il re le parlò, e lì accadde un miracolo. La regina disse: "Sì, sono la tua cara moglie" ed ella tornò a vivere. La cattiva matrigna e sua figlia furono giudicate e condannate. Il capriolo riprese le sue sembianze di fratellino e tutti vissero felici e contenti sino alla fine dei loro giorni.